Profilo Linkedin Efficace in 9 step

Profilo Linkedin Efficace

Argomenti dell'articolo

Profilo Linkedin Efficace

Profilo Linkedin Efficace in 9 step

Profilo Linkedin Efficace

Argomenti dell'articolo

In questo articolo ti racconto come puoi migliorare il tuo profilo Linkedin seguendo 9 step e renderlo un Profilo Linkedin Efficace. Inoltre troverai nel testo anche i miei “Consigli Linkedin”, pratici e rapidi da mettere in pratica.

Intanto ti dico cosa significa per me “efficace”: un Profilo Linkedin Efficace è in grado di attrarre clienti. Per farlo devi trasformarlo in una landing page, ossia una pagina di presentazione di te e delle tue competenze più importanti, aggiungendo un pizzico di storytelling.

Il profilo Linkedin efficace funziona se prima ti domandi:

  1. a chi sto parlando? (chi sono i miei lettori)
  2. quali sono i miei obiettivi? (cosa voglio ottenere io da Linkedin)
  3. quali sono gli obiettivi dei miei lettori? (cosa vogliono ottenere loro da Linkedin ed in che modo io posso aiutarli ad essere soddisfatti)

Come creare un profilo Linkedin

Vai su Linkedin.com e registrati inserendo la tua email e una password. Nulla di più facile.

Il profilo base è gratis.

Ci sono anche delle funzioni avanzate a pagamento che si possono attivare con le “licenze premium”. In questo articolo racconto come uso la licenza premium “Linkedin Sales Navigator” per trovare clienti, ma prima iniziamo a sistemare il tuo profilo base!

1. L’importanza della foto profilo

L’abito fa il monaco. Questo è il primo passo per trasformare il tuo account standard in un profilo Linkedin efficace: carica una foto profilo che ti rappresenti in ambito lavorativo, immagina di doverti vestire per incontrare un cliente. Se non ne hai ancora una puoi iniziare facendola in autonomia scegliendo uno sfondo neutro, mi raccomando:

NO: foto in costume (a meno che tu non sia un bagnino o un modello)

NO: foto con occhiali da sole o altri accessori che coprano il viso

NO: foto insieme ad altre persone (si deve capire facilmente chi sei)

CONSIGLI LINKEDIN: se hai una bella foto, ma desideri rimuovere lo sfondo perché non ti soddisfa, puoi utilizzare questo software gratuito online: www.remove.bg 

2. Come scegliere l’immagine di copertina di Linkedin

Sfrutta l’immagine di copertina per aggiungere dettagli su di te.

Potresti utilizzare una foto che rappresenti una passione (utile per rompere il ghiaccio con nuovi contatti). Per esempio per un periodo ho avuto una foto di un mio viaggio in moto e alcune persone mi hanno contattato proprio prendendo spunto da questa passione.

In alternativa puoi caricare un’immagine che ti attribuisca autorevolezza (se sei stato speaker ad un evento, se sei autore di libri, ecc.), ti puoi sbizzarrire … L’importante è contestualizzare il social network in cui ti trovi: siamo tra professionisti e si parla prevalentemente di business. 

In alcuni casi è consigliato utilizzare il logo della tua attività o l’invito al prossimo evento che farai.

CONSIGLI LINKEDIN: puoi creare facilmente una copertina su Canva (software online gratuito) www.canva.com 

Crea un “nuovo progetto” con dimensioni 1584*396 pixel. Seleziona il template che ti piace di più e personalizzalo con i tuoi colori e il tuo messaggio.

3. Il Sommario o Headline del profilo Linkedin Efficace

Questo spazio di testo serve a far capire rapidamente chi sei, cosa fai e in che modo potresti essere utile a chi visita il tuo profilo.

Inserisci anche le parole chiave con cui vorresti essere trovato nelle ricerche.

Considera che quello che scrivi qui viene visualizzato anche quando commenti o metti “like” sotto i post delle altre persone.

CONSIGLI LINKEDIN: per una resa ottimale anche da smartphone cerca di stare entro i 155 caratteri spazi inclusi, altrimenti la parte che va oltre sui dispositivi mobili viene troncata.

4. Come organizzare il Riepilogo del profilo Linkedin

Questo spazio di testo è molto importante, tieni presente che la piattaforma ci mette a disposizione 3.000 caratteri per scrivere qualcosa di interessante per i nostri lettori.

Puoi sfruttarlo per raccontare qualcosa di aggiuntivo sulla tua storia, come hai raggiunto la tua posizione o come hai aiutato i clienti o l’azienda in cui lavori a raggiungere gli obiettivi.

Inserisci anche le parole chiave con cui vorresti essere trovato nelle ricerche.

In fondo al testo inserisci in che modo vuoi essere contattato (messaggio privato su Linkedin, email, telefono, ecc.)

5. come compilare la sezione Esperienze lavorative

Questo NON è il tuo curriculum online. Inserisci soltanto le esperienze di lavoro significative, sia per il lavoro a cui ambisci, sia per i clienti a cui vorresti arrivare. (se oggi sei un manager e da ragazzo hai fatto il pizza pony non c’è bisogno di raccontarlo qui a meno che quell’esperienza non ti abbia cambiato la vita ed abbia senso farlo sapere online).

Per facilitare l’algoritmo di Linkedin a “catalogarti”, ti consiglio di pubblicare le esperienze che hanno una relazione tra quello che hai fatto e quello per cui vorresti farti trovare. Inserisci anche qui le parole chiave con cui vorresti essere trovato nelle ricerche.

Sfrutta lo spazio di testo per raccontare cosa hai fatto durante le esperienze di lavoro, cosa hai imparato, che risultati hai ottenuto, quali sfide principali hai affrontato, e così via. 

6. Cosa pubblicare nella sezione Competenze e Certificazioni del profilo Linkedin

Se hai delle specializzazioni, licenze o certificazioni ti consiglio di pubblicarle e linkarle nell’apposita sezione.

Nella sezione “competenze” ti consiglio di inserire quelle competenze che sono particolarmente significative per il tuo lavoro. 

Anche in questa sezione ti suggerisco di inserire le parole chiave delle competenze con cui vorresti essere trovato nelle ricerche.

Conferma le competenze alle persone con cui lavori e chiedi di fare altrettanto.

CONSIGLI LINKEDIN: pensa al tuo percorso professionale e carica quello che potrebbe avere un senso per chi ti dovrebbe ingaggiare.

7. Come sfruttare le Referenze per un Profilo Linkedin davvero Efficace

Raccogliere le testimonianze delle persone con cui hai lavorato è utile per dimostrare a chi non ti conosce che hai delle abilità o delle competenze.

Se lavori in un’azienda puoi chiedere ai tuoi superiori di scrivere una referenza, se hai esperienza come libero professionista puoi chiederlo ai tuoi clienti o agli altri freelance con cui hai lavorato.

CONSIGLI LINKEDIN: è importante che le persone con cui hai lavorato raccontino qualcosa su di te e sul lavoro che hai fatto, magari inserendo delle parole chiave.

8. Sfruttare la Rete di Contatti a proprio vantaggio

Linkedin è un social network di professionisti in cerca di relazioni per il business.

Per una questione di opportunità ti consiglio di ampliare la tua rete con persone che possano contribuire al tuo business, ispirarti; vanno bene fornitori, collaboratori, colleghi e superiori. Sulla pagina di registrazione è inoltre lo stesso Linkedin che ti invita ad entrare in contatto con compagni di studi e amici.

Non aggiungere chiunque solo con lo scopo di ampliare la rete, ma cerca sempre di essere coerente, non collezionare contatti ma crea relazioni con le persone.

9. Pubblicare i tuoi contenuti su Linkedin

Su Linkedin puoi pubblicare contenuti in diversi formati.

Prova a pubblicare contenuti di diverse tipologie per capire quali sono le più apprezzate dal tuo pubblico: di conseguenza saranno apprezzate anche dall’algoritmo.

L’algoritmo tende a far “circolare” di più i contenuti che ricevono il maggior numero di interazioni (like, commenti, ecc.).

Ti suggerisco di interagire con le altre persone, condividendo le tue opinioni o la tua esperienza.

L’interazione è molto potente per creare o rafforzare relazioni. Inoltre aiuta l’algoritmo di Linkedin a capire che un determinato post merita di essere “spinto”.

NOTA: i link che portano traffico fuori dalla piattaforma sono penalizzati in termini di visibilità. Usa i link con moderazione, soprattutto crea un mix di contenuti dove i link all’esterno siano solo una parte del tuo piano editoriale.

BONUS: Consiglio per avere un Profilo Linkedin Efficace

C’è un’altra sezione che puoi attivare nel profilo, si chiama: “in primo piano”. Qui puoi mantenere in risalto alcune delle tue pubblicazioni.

Possono essere video pubblicati su Youtube, blog post sul tuo sito o articoli pubblicati dentro Linkedin Pulse (piattaforma di blogging integrata in Linkedin).

Scrivere articoli dentro Linkedin Pulse è utile per costruire il tuo personal brand in qualità di esperto del settore e farti trovare anche nei motori di ricerca esterni: Google indicizza anche questi articoli.

Se posso esserti utile per rendere il tuo profilo Linkedin efficace puoi contattarmi in privato per una Consulenza Profilo Linkedin oppure scoprire le risorse gratuite che ho messo a disposizione:


ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Condividi l’articolo

Argomenti dell'articolo